BUONA SCUOLA: NON E' ANCORA LEGGE MA E' GIA' NEGLI ORDINI DEL GIORNO DI ALCUNI COLLEGI DOCENTI

Milano -

 Il decreto legge detto “Buona scuola” è ancora animatamente discusso in Parlamento, addirittura è stato bocciato come incostituzionale dalla commissione del Senato che lo sta esaminando, è osteggiato dalla grandissima parte del personale docente e non che più volte ha scioperato in massa, è in atto un altrettanto partecipato sciopero degli scrutini e cosa fanno alcuni zelanti presidi? Lo hanno già posto all’ordine del giorno dei loro collegi decenti. Dimenticandosi che è stata prontamente ritirata la circolare del ministero dell’Istruzione che ordinava la precipitosa convocazione collegi docenti e di istituto per definire l’organico previsto dal decreto legge. E proprio perché, fortunatamente, la “Buona scuola” non è ancora legge. USB ha chiesto chiarimenti e mandato diffide ad alcuni presidi di Milano e provincia distintisi per il loro fanatismo governativo e continuerà a farlo verso altri loro colleghi che dovessero addirittura proporre ai collegi docenti delibere applicative del decreto. In allegato il comunicato di USB pubblico impiego/scuola

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni