I LAVORATORI DI MALPENSA DICONO NO AL MODELLO RYANAIR

Malpensa -

La compagnia irlandese Ryanair si è installata a Malpensa e vuole imporre il suo modello per i servizi a terra. Modello che vuol dire: salari più bassi degli attuali, precarietà del lavoro, flessibilità estrema. A questa impostazione ieri hanno detto no i lavoratori di Malpensa che prima in assemblea e poi in manifestazione, in tanti hanno percorso le strade dell’area aeroportuale. Un no forte e deciso. Che si accompagna a un pacchetto di 48 ore di sciopero e formali richieste di incontro a Sea, Enac, ministero dei Trasporti, Ags, l’azienda che gestisce le attività a terra per conto di Ryanair.

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati