IL CAOS DELLE PROVINCE: LODI MARTEDI' 14 GIORNATA DI MOBILITAZIONE DEI DIPENDENTI. ORE 10-12 PIAZZA DELLA VITTORIA INCONTRO CON I CITTADINI

Lodi -

Le Province sono in mezzo al guado: non ci sono più quelle di una volta ma neanche quelle nuove. A un anno dalla loro cosiddetta abolizione non sono più assemblee elette dai cittadini, hanno subito tagli drastici (chiamati risparmi) per alcuni miliardi di euro (ai 2,9 dal 2009 si aggiungeranno 1 miliardo nel 2015, 2 miliardi nel 2016 e 3 nel 2017) e Regioni e governo non hanno ancora deciso chi si accollerà le 100 funzioni che oggi espletano. La conseguenza è che, senza soldi e con sempre meno personale, peggiorano i servizi ai cittadini e non c’è nessun risparmio per la spesa pubblica né minore pressione fiscale (anzi!). Scuole, biblioteche, musei, centri per l’impiego e la formazione, difesa del territorio, ambiente e manutenzione stradale sono i pericolo: mancano soldi, personale e, soprattutto, organi responsabili e decisionali. Tutto è un enorme caos. E tutti se ne fregano bellamente. Per queste ragioni, per spiegare agli utenti e all’opinione pubblica cosa facevano e fanno, quale era ed è l’utilità delle Province, domani tutti i dipendenti della Provincia di Lodi saranno a disposizione dei cittadini per illustrare loro qual è il loro lavoro e l’importanza dei loro sevizi. Un open day degli uffici e un incontro pubblico in piazza della Vittoria dalle 10 alle 12. USB sarà presente con una folta delegazione. In allegato il volantino della Rappresentanza sindacale che indice la manifestazione.

 

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati