IL PRESIDIO FUNZIONA: IL PREFETTO COSTRETTO A RICEVERE GLI INQUILINI DI VIA CIVITALI 30

Milano -

Il presidio organizzato questo pomeriggio da ASIA/USB sotto la Prefettura di Milano a sostegno della lotta degli inquilini di via Civitali 30 ha fatto fare un altro passo avanti alla lotta. Il prefetto ha ricevuto una delegazione degli abitanti. 25 famiglie e 37 bambini aspettano da tempo una soluzione dal loro padrone di casa: Aler. Le loro proposte sono chiare e il prefetto ne ha dovuto tenere conto: niente sfratti e sgomberi (le famiglie sono radicate nel territorio e i bambini devono continuare ad andare nelle loro scuole), sanatoria per gli occupanti per necessità, assegnazione delle case vuole, i lavori di ristrutturazione devono essere fatti con gli inquilini dentro le loro case che in parte hanno recuperato a loro spese. Al prefetto è stato chiesto di convocare Aler assieme ad ASIA/USB, passo necessario per arrivare ad un accordo e a una soluzione. Intanto continueranno lotte e mobilitazioni a partire, al mattino, dalle consuete colazioni solidali, ormai un tradizione nel quartiere.  

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni