ISTITUTO DEI TUMORI: LA BATTAGLIA CONTINUA E ARRIVA LA CENSURA

Milano -

Il presidente dell’Istituto dei tumori di Milano, Giuseppe di Leo, è rimasto solo a dirigere l’ospedale perché direttore generale e direttore scientifico si sono dimessi. E si sa la solitudine è una brutta compagna. E fa prendere strane decisioni Adesso si è messo in testa di censurare le comunicazioni sindacali. E ha emesso un’ordinanza che intima a USB e altre sigle sindacali di utilizzare solo la bacheca virtuale e/o sottoporre alla sua autorizzazione la posta elettronica aziendale e l’accesso alla rete. Immediata la protesta non solo di USB ma anche della Rsu. Ma il presidente non pare demordere.A questo punto USB chiede formalmente al consiglio di amministrazione dell’Istituto di non ratificare l’ordinanza altrimenti darà corso a un’azione legale per attività antisindacale. Alla prossima puntata.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni