LODI. I LAVORATORI DELLA ERRE B. CONTRO LA MULTINAZIONALE DEI TRASPORTI MTN CHE LICENZIA E GETTA SUL LASTRICO 52 FAMIGLIE

Lodi -

Presidio davanti alla stazione di Lodi ieri 5 ottobre dei dipendenti della cooperativa Erre B., organizzati da USB, licenziati perché la MTN per la quale lavorano non paga. Quasi tutti stranieri di lungo corso, i lavoratori hanno distribuito due volantini: uno rivolto a Giuseppe Cerri, proprietario della MTN e un altro che preannuncia un’ondata di denunce e azioni legali nei confronti della sua azienda. Volantini che hanno raggiunto anche la casa, blindata e sorvegliata, del signor Cerri. Sono tanti i motivi dello scontro: stipendi e straorinari in nero, taglio dei salari, cambi di contratto. Scontro che Cerri vuole chiudere liquidando l’azienda senza tirare fuori un euro. Ma i lavoratori, USB e i loro legali non ci stanno e decidono di aprire la procedura di fallimento. Ma, soprattutto, non mollano.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni