L'UST di Milano viola ogni diritto: diritto al lavoro dei docenti, diritto alla rappresentanza sindacale

Milano -

Secondo quanto previsto dalla circolare del provveditorato, siamo andati oggi in via Soderini al fine di assistere alle operazioni di nomina dei supplenti e comprendere quali problemi siano intervenuti, visto che le operazioni sono bloccate.

Che l'utilizzo di SiGeCo fosse una scelta scriteriata, visti i continui errori degli anni passati, è storia nota e molto costosa per la P.A.: quando il privato mette le mani sul pubblico, gli esiti sono disastrosi.

Ma che il dirigente Bussetti rifiuti colloqui, neghi l'accesso, violi tutti i diritti alla trasparenza, all'accesso e alla collaborazione di una organizzazione sindacale supera ogni limite di tollerabilità.

E non è la prima volta. Centinaia di mail alle quali non è mai stata data risposta. Richieste di incontro, di accreditamento, di attivazione dei servizi di monitoraggio online tramite SiGeCo, sempre negate.

USB Scuola non cede.

Crediamo nell'esercizio dei nostri diritti/doveri.

Chiediamo che il dott. Bussetti, a fronte dei voluti disagi che sta creando nelle scuole, venga immediatamente rimosso e che L'UST di Milano venga gestito senza scontri politici tra la Lega e il governo, ma in esclusiva tutela della scuola pubblica statale.

Saremo in presidio in via Soderini giovedì 8 ottobre dalle 11 alle 15 per ottenere risposte sugli ormai indecenti ritardi nelle nomine che stanno mandando le scuole in crisi e sulla mancanza di trasparenza con cui vengono effettuate le operazioni di nomina delle e dei docenti, ancora disoccupati.

Per adesioni inviate una mail a milano.scuola@usb.it

Estratto dal TGR Lombardia del 5 ottobre

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni