MILANO PER ABDN ELSALAM AHMED ELDANF UCCISO DAI PADRONI PERCHE' DIFENDEVA IL SUO LAVORO

Milano -

Al grido di “Ammazzateci tutti” si è svolta ieri pomeriggio a Milano la manifestazione di solidarietà, cordoglio, protesta organizzata da USB e partecipata da centri sociali, sindacati di base, organizzazioni politiche. Un corteo che è stato anche un atto di accusa verso un sistema economico e politico che non ha nessuna considerazione per chi lavora, considerato solo un costo e non una risorsa. E’ il sistema degli appalti, dei subappalti, delle cooperative, delle gare al massimo ribasso – un cancro che si sta estendendo in tutti i settori produttivi e dei servizi – che sta alla base dell’omicidio di Abdn Elsalam. Lavoro nero, grigio, precario, a chiamata, a ore, part time. Caporalato. Con aziende che nascono e muoiono in pochi mesi. Dove non c’è sicurezza di salario, Tfr, diritti sociali. Dov’è l’Ispettorato del lavoro? Che fa l’Inps? Poco o niente perché il governo ha tagliato drasticamente gli ispettori. Quindi ci sono pochissimi controlli e di conseguenza niente denunce. La vergogna sta lì. Sempre in nome del taglio dei costi, del lavoro soprattutto. Anche per queste ragioni è morto il nostro compagno.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni