PISAPIA SGOMBERA L'OFFICINA DEI BENI COMUNI

Solidarietà dell’USB. Questa sera grigliata di lotta. Domani, martedì ore 21, assemblea aperta

Milano -

Questa mattina, in via Livigno, sono arrivati in gran numero carabinieri, polizia, vigili urbani, Digos. Obbiettivo? Lo sgombero dei  locali dell’Officina dei beni comuni occupati alcuni mesi fa per costruire uno spazio intergenerazionale, un sindacato sociale dove dare voce ai cittadini. Lo sgombero, annunciato da una mozione del consiglio di zona votato all’unanimità, lascia liberi i locali alla solita associazione amica del Comune per la quale è stato emesso un bando costruito ad hoc. Continua così la politica del sindaco Pisapia, tutta sgomberi e manganello, contro quei cittadini che occupano alcune delle 5.000 case vuote del patrimonio pubblico perché impossibilitati a pagare affitti e mutui, bollette della luce e del gas. Vittime di quella crisi che ha prodotto e produce licenziamenti, cassa integrazione, stipendi da fame, precarietà. Nessuna politica sociale caratterizza questa giunta tutta presa dall’organizzazione di Expo 2015 dove non mancano sprechi di denaro pubblico,  opere inutili, infiltrazioni mafiose.

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati