UN SUCCESSONE LO SCIOPERO E IL PRESIDIO ALL'OSPEDALE GIOVANNI XXIII DI BERGAMO

Bergamo -

Questa mattina i facchini dell’Ospedale di Bergamo, organizzati dall’USB, sono scesi in sciopero e hanno presidiato la sede del Giovanni XXXIII. Allo sciopero ha aderito il 90 per cento dei lavoratori non precettati secondo la legge sull’autoregolamentazione nei servizi essenziali. Un successone! Il messaggio è arrivato forte e chiaro al Consorzio Hydra dal quale dipendono i facchini. I licenziamenti, 27 su 99 dipendenti,  devono essere ritirati e va aperto il tavolo delle trattative. Altrimenti la lotta continuerà ancora più dura. Ma il messaggio è anche rivolto ai dirigenti dell’ospedale. Non possono lavarsene le mani perché il lavoro dei facchini si svolge all’interno del Giovanni XXIII. Un monito anche verso i sindacati complici che hanno abbandonato la difesa dei lavoratori per non turbare le buone relazioni (?) con la direzione!

 

In allegato il volantino distribuito questa mattina davanti all’ospedale e una serie di foto che testimoniano le varie fasi del presidio.  

 

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati