USB Lombardia: nei punti vendita Zara di Milano la CGIL nega i diritti sindacali

Milano -

Le lavoratrici e i lavoratori di Zara Milano, iscritti ed RSA di USB Lombardia e non solo, denunciano l’atteggiamento antidemocratico e antisindacale di CGIL che impedisce lo svolgimento delle elezioni RSU in azienda, nonostante le RSU siano scadute da un anno e la richiesta scritta e firmata da almeno 70 dipendenti del punto vendita di Vittorio Emanuele.

È chiara la volontà da parte di CGIL di mantenere i propri privilegi in azienda, concertando con il datore di lavoro a discapito delle tutele dei lavoratori.

Le RSA di USB Lombardia sono pronte a dare battaglia per difendere il diritto alla tutela sindacale di tutti i lavoratori e il diritto a scegliere tramite elezioni i propri delegati.

USB è pronta a sostenere la lotta in ogni posto di lavoro e con ogni mezzo.

Riprendiamoci tutto!

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati