Argomento:

SUI FANNULLONI

Milano -

E' del 18/01/2007 l'ultimo attacco a tutto il pubblico impiego con il memorandum firmato dal governo e dalla triplice sindacale. L'obiettivo è chiaro, vogliono smantellare la pubblica amministrazione. Si completa così la campagna di odio verso i dipendenti pubblici tacciati di "fannulloni" e si cerca sempre di più di attaccare le RdB che sono le uniche nel panorama sindacale a mettere in discussione il progetto di smantellamento della Pubblica Amministrazione. Noi, a differenza di altri, difendiamo il lavoratore pubblico perché pretende rinnovi contrattuali veri e non farse, pretende tutele in caso di malattia, pretende una pensione dignitosa e una vera liquidazione ecc ecc.

I giornali sparano a zero contro i " fannulloni" (vedere La Repubblica del 14 gennaio 07) e non dicono che il nostro salario è tra i più bassi d'Europa, che nessuna formazione ci è stata fornita ma che siamo noi stessi e a spese nostre a cercare di stare al passo per senso di responsabilità, che svolgiamo mansioni superiori da anni mai riconosciute, che in caso di malattia ci decurtandolo stipendio, che vogliono scipparci la liquidazione, che alla fine di tutti questi discorsi forse dovrò essere licenziato perché considerato un parassita mentre invece chi organizza certi convegni viene lautamente pagato con i soldi della collettività.

A noi ci censurano la posta elettronica nella regione Lazio, ci attaccano con una denuncia presso la Procura della Repubblica in data 18/12/2006 contro i contenuti di un volantino (n. 51 del 23/11/2006) con il chiaro tentativo di tapparci la bocca , cercano di far terra bruciata intorno a un sindacato che sta crescendo (sotto tutti i punti di vista) e per questo è scomodo. Sappiano lor signori che non riusciranno ad isolarci e a farci tacere per sempre perché abbiamo una dignità, un orgoglio e lottiamo per far valere i nostri diritti di lavoratori, più volte calpestati dai soloni di palazzo.

RdB Agenzie Fiscali Lombardia

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni